Crea sito

Il delitto di Eligia e della figlia a Siracusa, la Cassazione conferma l’ergastolo per il marito Christian Leonardi

Il delitto di Eligia e della figlia a Siracusa, la Cassazione conferma l’ergastolo per il marito Christian

Leonardi

Christian Leonardi è stato condannato all’ergastolo per l’omicidio della compagna Eligia Ardita avvenuto nel

2015. La donna era incinta di otto mesi. Morta con lei anche la bimba che aspettava. L’uomo aveva

denunciato per la morte della compagna i sanitari del 118 che lui stesso aveva chiamato quando lei già non

respirava più.

Christian Leonardi, accusato di aver ucciso nel 2015 la moglie Eligia Ardita in attesa della piccola Giulia, è

stato condannato in Cassazione all’ergastolo. La donna era incinta di otto mesi quando, dopo un violento

litigio con il marito, è stata colpita alla testa e soffocata violentemente. Eligia è quindi rimasta vittima di un

arresto cardiaco che Christian Leonardi imputò ai sanitari del 118 che lui stesso aveva chiamato per

soccorrere la compagna dopo la colluttazione. Mai aveva spiegato cosa fosse realmente accaduto

nell’appartamento.

Leonardi era già stato condannato all’ergastolo in primo e secondo grado di giudizio. I legali dell’uomo

hanno dichiarato di volersi rivolgere alla Corte di Giustizia Europea. La sorella di Eligia, Luisa Ardita, ha

invece manifestato la soddisfazione per la condanna. Nonostante il risultato, non parla di vittoria: “Eligia e

Giulia non torneranno mai più. Questa sentenza però ha dato valore e rispetto a due vite strappate e

spezzate da colui che avrebbe dovuto proteggerle tra le mura di casa. Usciamo da tre gradi di giudizio

comunque sconfitti”. La sorella della giovane vittima ha espresso parole dure anche per il condannato.

“Invece di proclamarsi innocente con arroganza, dovrebbe pentirsi di quanto fatto. La mancanza di

vergogna è davvero crudele. Diciamocela tutta: non ha pietà neppure per se stesso. Abbiamo impiegato sei

lunghi anni di lotte e sofferenze per dimostrare la verità. Adesso lasciamo riposare in pace Eligia e Giulia

cercando di elaborare il nostro lutto”.

La relazione tormentata e il figlio inatteso

Eligia era stata messa alla prova da un matrimonio che sembrava non funzionare più. La donna, infatti,

doveva fare i conti con problemi economici e l’assenza del compagno che portava a litigi sempre più

frequenti. Con molta fatica, Eligia era riuscita a trovare lavoro come infermiera per arginare i problemi

economici riscontrati in famiglia. Poi, quando aveva trovato lavoro e iniziato a mettere dei soldi da parte,

era arrivata la notizia inaspettata di una gravidanza.